Numero 150 dell'8 Maggio 2014

Ebbene, sì, siamo arrivati al numero centocinquanta. Mentre autorevoli e prestigiose testate di informazione musicale italiana chiudono, o ridimensionano le loro attività, Blogfoolk cresce, in maniera progressiva e costante, pubblicando ogni settimana un numero, denso di speciali, interviste, recensioni, approfondimenti, e saggi, frutto dell’impegno di un gruppo di giornalisti, addetti ai lavori, musicisti e ricercatori, che condividono la medesima visione di un folk non prescrittivo, aperto alla sperimentazione, e alle trasmigrazioni sonore. Tale impegno è ripagato dal crescente numero di lettori che ci onorano della loro attenzione, giunti nel mese di maggio quasi a quota ventimila al mese. Non meno significativo, il constatare il fatto che il webmagazine ha ormai una forte credibilità nel mondo degli operatori culturali, dei musicisti, degli addetti ai lavori. Tutto ciò non può che essere un ulteriore impulso per la nostra attività, uno spronane a fare sempre di meglio, ad accrescere ancora la nostra offerta di approfondimento. E lasciateci dire, che di idee ce ne sono già tante, e che le sorprese non mancheranno. Giunti al traguardo del numero centocinquanta, e mantenendo la promessa fatta in occasione della pubblicazione del numero cento, Blogfoolk esce parallelamente in una sorta di edizione speciale, chiamando a raccolta alcune tra le voci più autorevoli del primo folk revival ed eminenti studiosi di ambito etnomusicale e di popular music, per realizzare un volume antologico che, come in un itinerario attraverso la Penisola, consenta ai lettori di approfondire i temi abitualmente trattati nelle pubblicazioni settimanali. E sceglie di farlo in formato ..epub e in forma gratuita, grazie alla disponibilità dell’editore SquiLibri, altra scelta non casuale, prendo ancora una volta un varco nella direzione di una riflessione condivisa e trasversale, che stimoli il dibattito e il confronto intorno ai percorsi di valorizzazione delle culture musicali tradizionali.
Non fortuita è stata anche la scelta del titolo, che rimanda direttamente alla rubrica principale, Viaggio in Italia, nella quale di volta in volta prendiamo in esame le principali pubblicazioni discografiche ed editoriali relative alla musica popolare regionale. In questo volume abbiamo, dunque, amplificato il concetto editoriale alla base della rubrica attraverso le voci di studiosi, appartenenti a generazioni diverse, e di musicisti, molti dei quali sono stati mediatori culturali del mondo popolare per il ruolo seminale svolto negli anni Sessanta e Settanta, ma sono ancora oggi voci lucide e artisti con tanto da dire e suonare. Mentre vi consigliamo la lettura approfondita del nostro primo “Viaggio In Italia”, vi presentiamo anche il nuovo numero, la cui ricchissima cover story è il sorprendente “Ura” del duo Redi Hasa e Maria Mazzotta, che è il BF-Choice del mese di maggio. Per l’occasione li abbiamo intervistati, ripercorrendo la gestazione dell’album, senza tralasciare lo sguardo ai rispettivi percorsi artistici. Si prosegue in Italia con “Podre” degli occitani La Mesquia, mentre sul versante internazionale, vi raccontiamo il mondo dei musici itineranti con la “ghironda in spalla”, omaggiati dal polacco  Jarek Adamów con il suo “Fall In Mountains”. E ancora: l’altro focus discografico ci porta oltreoceano con “The Lights From The Chemical Plant” del cantautore americano Robert Ellis, astro nascente della scena roots. Dai dischi si passa al palco, con il report di Gloria Sereni direttamente dal Circolo Arci Aurora di Arezzo, dove si è svolta la nona edizione di FolkAurora. Paolo Mercurio ci conduce, poi alla scoperta, delle attività radiofoniche di RadiuSupramonte impegnata nella diffusione della musica sarda sul web. Dallo scaffale di Blogfoolk, Daniele Cestellini ha selezionato il corposo saggio curato da Giancarlo Baronti, Giancarlo Palombini e Daniele Parbuono, “Séga Seghin’ Segamo. Studi E Ricerche Sul ‘Sega La Vecchia’ In Umbria”, dedicato alla rappresentazione rituale quaresimale nella regione del centro Italia. Tornando ai dischi, per i suoni di confine, presentiamo il cofanetto antologico “Beyond The Double Bass” del virtuoso del contrabbasso Renaud Garcia-Fons. Per finire, eccoci all’immancabile e taglio basso di Rigo, che questa settimana si occupa del nuovo e folle progetto di Neil Young, “A Letter Home”. Da ultimo, cogliamo l’occasione di ringraziare Maurizio Agamennone, Giovanna Marini, Ettore Castagna, Bruno Grulli, Roberto Sacchi, Gastone Pietrucci, Marco Lutzu, Roberto De Simone, Luigi Chiriatti, Simona Frasca e Alessandro Portelli, che hanno contribuito in maniera determinante alla realizzazione di “Viaggio In Italia”, nonché  SquiLibri che ne ha curato le edizioni. Parimenti, il nostro ringraziamento va a Daniele Cestellini e Antonio “Rigo” Righetti, che condividono la gestazione, la realizzazione e la produzione di ogni numero di Blogfoolk, e a tutti i collaboratori, i cui contributi arricchiscono settimanalmente la nostra testata. Buona Lettura!

Ciro De Rosa e Salvatore Esposito
www.blogfoolk.com


BF CHOICE
VIAGGIO IN ITALIA
WORLD MUSIC
I LUOGHI DELLA MUSICA
IDEE
LIBRI
SUONI JAZZ
TAGLIO BASSO

L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)