Numero 145 del 2 Aprile 2014

Pubblicato appena da una settimana, “Fomenta - Ilenu De Taranta”, il  nuovo progetto discografico di Antonio Castrignanò, è il nostro BF Choice del mese di aprile. Il disco vede il cantante, tamburellista e compositore salentino collaborare con Mercan Dede, in un incrocio tra i moduli della tradizione della penisola pugliese e la contemporaneità elettronica del musicista e produttore “electro-sufi”. Diamo la parola allo stesso Castrignanò, che abbiamo incontrato per tracciare con lui il suo percorso artistico e farci presentare il nuovo album. Il nostro Viaggio in Italia prosegue con l’urban folk sound di ”South Beat” dei Canto Antico, mentre sul versante world entrano in scena la corroborante mistura celtico-caraibica di "The Tall Islands" dell’orchestra Salsa Celtica: disco che consigliamo senza esitazioni, e la musica d’arte azera, raccolta in “Sacred World Of Azerbaijani Mugham” del cantante Gochag Askarov, disco registrato in concerto a Baku. L’intervento di Paolo Mercurio è un doveroso ritratto della figura umana ed intellettuale dell’etnomusicologo Pietro Sassu (1939-2001), nel settantacinquesimo anniversario della sua nascita. Andiamo poi alla scoperta dell’Associazione ciociara Calamus, con l’intervista a Massimo Antonelli. Dalla nostra libreria, abbiamo selezionato per voi il recentissimo saggio “Cosa Nostra Social Club” dell’etnomusicologo della Newcastle University Goffredo Plastino, un’analisi dei rapporti tra musica e mafie in Italia, con la lente d’osservazione degli studi di popular music. La rubrica  Suoni Jazz è dedicata a “Solo Jazz” del violoncellista napoletano Lucio Amanti. Spetta al Taglio Basso di Rigo, con le sue impressioni sul nuovo disco di Cesare Carugi, chiudere il numero 145 di Blogfoolk.

Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com


BF-CHOICE
VIAGGIO IN ITALIA
WORLD MUSIC
MEMORIA
IDEE
LETTURE 
SUONI JAZZ
TAGLIO BASSO

L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)