Numero 119 del 25 Settembre 2013

Pochi non si sono accorti che Blogfoolk è da più di due anni è un regolare settimanale di informazione ed opinione sulle musiche del mondo, con un’attenzione particolare rivolta all’Italia folk/trad. È come se fosse un mensile di oltre 50 pagine, solo che il profilo del Web consente spazi operativi e di discussione più ampi, dinamici ed interattivi del “vecchio” cartaceo (lo scrive chi per anni ha contribuito a “World Music Magazine”, la rivista più importane del settore per almeno quindici anni). Ma nel presentare il numero 119, a chiusura del mese di settembre, ci piace ribadirlo: nei limiti delle forze della nostra testata online, accanto alle recensioni di produzioni discografiche e di libri, siamo presenti nei luoghi dove la musica nasce: diamo voce ai costruttori di strumenti e ai musicisti, dove si ascolta: concerti e festival lungo la Penisola, e non solo, nei convegni accademici dove si parla di musica e la si  analizza, dove l’occhio dei cineasti “vede” e commenta la musica e i musicisti (la scorsa settimana siamo stati partecipi del bellissimo Mediterraneo Video Festival, incentrato sulle musiche in transito, svoltosi ad Agropoli, su cui vi documenteremo prossimamente). Blogfoolk sta sulla notizia, la interpreta, privilegiando la soggettività – inevitabile – che non si traduce in personalismo roboante; non si limita a riprodurre comunicati stampa né locandine patinate: per quelli c’è un spazio apposito sul nostro sito, dove trovate anche notizie su conferenze, concorsi, “call for papers”. Tutto questo significa per noi informazione,  al servizio di cultori, studiosi ed addetti ai lavori. E chi abbia voglia di condividere in qualche modo la nostra visione, può contattarci, collaborando, partecipando, criticando costruttivamente il progetto, sempre in movimento, che è Blogfoolk. Di cosa ci occupiamo, in questa nuova emissione? Primo protagonista è Claudio Carboni, personaggio a tutto tondo, da Banditaliana, di cui ci anticipa qualcosa sul nuovo disco in fase di registrazione, all’impegno nella direzione tecnica di un prestigioso festival in Colombia. A margine dell’intervista al sassofonista emiliano, la recensione di una produzione dell’etichetta Sheherazade, di cui lo stesso Carboni è uno degli artefici, parliamo de “Il Melodramma Ballabile” dell’Ensemble Novecento, organico di ocarine alle prese con pagine verdiane. Si prosegue con la rubrica I Luoghi della Musica con un reportage dallo storico Talos Festival di Ruvo di Puglia, ideato e diretto da Pino Minafra, e dedicato alle musiche da banda. Dalle bande si passa al cantautorato con il menestrello italo-francese di sapore afro Sandro Joyeux, il quale non vincerà la Targa Tenco, ma è il nostro Consigliato. Spazio anche al roots rock made in Finlandia dei Vellamo. Si torna in Italia, prima in Sardegna, con Prendas “Live In Sardinia”, e poi a Taranto con il lavoro della Compagnia di Cantastorie Cantacunti ispirato al sacco di Otranto. A completare il numero, la rubrica Suoni Jazz, per la quale abbiamo ascoltato “Bella Ciao” dell’art-rock band newyorkese Barbez, la rubrica Letture, con il succulento volume “Una Frisella Sul Mare” di Pierpaolo Lala. La benedizione finale è officiata dal Taglio Basso di Rigo, che si occupa del nuovo album di Cyril Neville.

 Ciro De Rosa
Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com


PERSONAGGI FOLK
IL LUOGHI DELLA MUSICA
WORLD 
VIAGGIO IN ITALIA
SUONI JAZZ
LETTURE
TAGLIO BASSO

L'immagine di copertina è un opera di Donatello Pisanello (per gentile concessione)