Franco Morone e Raffaella Luna - Songs We Love (Acoustic Guitar Records)

Considerato uno dei massimi esponenti internazionali del fingerpicking, Franco Morone, ha raccolto lungo la sua carriera numerosi riconoscimenti e non ci sembra affatto casuale che un etichetta americana la Acoustic Guitar Records abbia voluto pubblicare Song We Love, disco inciso con la moglie Raffaella Luna, cantante di formazione classica, dalla voce cristallina e dalla eccellente agilità tonale. Il disco, che segue le due raccolte di brani strumentali dedicate una all’Italia, l’altra alla tradizione celtica, è stato presentato nel corso dei più importanti festival di musica acustica e tradizionale riscuotendo un grandissimo successo. Come si comprende ampiamente dal titolo, il disco presenta una selezione di quindici brani tra quelli che i due coniugi amano di più, ed è sorprendente notare come il duo si muova con agilità passando da magiche interpretazioni di brani cantautorali americani a composizioni autografe fino a toccare sul finale il tema di Nuovo Cinema Paradiso di Ennio Morricone. L’ascolto è denso di emozioni, si parte da una intensa e coinvolgente versione di Caledonia, per passare all’autografa Roses Skies Blue di Raffaella Luna, che fa il paio con la sorprendente riproposta di My Name Is Luka di Suzanne Vega. Di ottima fattura sono poi le due cover di Bob Dylan It’s All Over Now, Baby Blue e Forever Young, A Case Of You di Joni Mitchell nella quale Raffaella Luna da prova di essere una vocalist di grande eleganza e l’incantevole Alla The Diamonds di Bruce Cockburn. Tra le soprese troviamo anche Plasir D’Amour e Caro Mio Ben, brani della tradizione del bel canto e nei quali la chitarra di Morone prende magicamente le parti dell’orchestra. Insomma una grande voce come quella di Raffaella Luna e un grande chitarrista come Franco Morone, non potevano che realizzare un vero e proprio gioiello di grazia ed originalità nel quale una chitarra suonata con stile inconfondibile e una voce dolce di rara bellezza, sono gli ingredienti principali.

Salvatore Esposito

Nessun commento